Psicopatologia dell'adolescenza

 

Il Servizio Atreiu è un contesto residenziale per adolescenti (14-18 anni) con disturbi della sfera psichica inviati dai Servizi Territoriali che offre programmi terapeutico-riabilitativi individualizzati con l’obiettivo di acquisire nuove abilità per affrontare la disregolazione emotiva e comportamentale.

Gli obiettivi vengono perseguiti attraverso attività psicologiche e psicoterapiche, con colloqui individuali e  gruppi di confronto e terapeutici, oltre ad attività ludico ricreative selezionate sulla base degli interessi e delle preferenze del ragazzo e ad attività di reinserimento scolastico supportate.

L’Equipe è formata da Psicologo, Psichiatra, Educatori Professionali, Operatori Socio Sanitari ed il modello di riferimento, su cui si sta effettuando formazione secondo le direttive della SIDBT e del Linehan Institute è quello della DBT ( Dialectical Behavior Therapy).

  • Intervento Terapeutico-Riabilitativo Residenziale ( 14-18 anni): Programmi individualizzati costruiti con l’ospite in base alle sue preferenze, attitudini, risorse personali disponibili. Intervento farmacologico, intervento neuropsichiatrico/psichiatrico, intervento psicologico, coinvolgimento delle famiglie.
  • Servizio territoriale inviante e Tribunale dei Minori: Stretta collaborazione e incontri costanti con gli operatori del Servizio territoriale di provenienza. Gli adolescenti possono essere accolti anche dietro Decreto del T.d.M.
  • Attività: Attività sportive di vario genere: piscina, maneggio, pingo-pong, calcetto, pallavolo; ripresa/continuità percorso scolastico; organizzazione uscite ludiche in gruppo.
  • Approccio teorico e metodologico: Un team di 7 operatori dell’equipe sta effettuando la formazione intensiva secondo il modello DBT riconosciuto dalla SIDBT e dal Linehan Institute.

La sede del servizio è collocata in Loc. Agazzi, via Agazzi 47, al secondo piano della struttura centrale.

Atreiu è il bambino guerriero del film “La Storia Infinita” che  compie un viaggio irto di ostacoli e di pericoli verso una meta che non si immaginava, scoprendo risorse che pensava di non avere e scoprendo di potersi permettere di sognare e sorridere nonostante tutte le difficoltà incontrate nel percorso.